Sicurezza

000000000000167029_16052014_aaaaLa salvaguardia della salute dei pazienti è un punto fondamentale. Per questo motivo viene posta la massima attenzione nell’evitare contaminazioni da parte di batteri e virus. Tutto il materiale che viene utilizzato è monouso (guanti, mascherine, aghi, puntali, aspirasaliva, ecc.) oppure viene sterilizzato in autoclave. La pulizia e disinfezione delle sale operative, poltrone, schermi, interruttori e piani di appoggio vengono eseguite sempre in modo scrupoloso e utilizzando prodotti di massima qualità, prima dell’ingresso e dopo l’uscita di ciascun paziente.

 

 
strumenti1
Tutti i manipoli, le turbine e i ferri vengono puliti,disinfettati e sterilizzati seguendo le linee guida internazionali e protocolli rigidi. Ciascuno dei nostri tre centri è dotato di vasche ad ultrasuoni per la decontaminazione da tutti i residui organici, visibili o non visibili ad occhio nudo, che utilizzano disinfettanti enzimatici, di lavastrumenti professionali di alta qualità e di potenti autoclavi a vapore (Classe B) da 180 litri, le più sofisticate attualmente in commercio, impiegate anche in alcuni ospedali. Al termine della procedura lo strumentario è assolutamente sterile e imbustato in confezioni sigillate, che saranno aperte di fronte ai vostri occhi.

 


 

Menzione particolare merita il trattamento dell’acqua che arriva nelle sale operative, che viene inizialmente addolcita e pre-filtrata garantendo l’assenza di macromolecole e successivamente viene spinta nei moduli ad osmosi inversa (nano-filtrazione), abbassando al minimo i livelli di nitriti, nitrati, batteri e virus eventualmente presenti. Per una sicurezza totale l’acqua utilizzata per l’irrigazione durante gli interventi chirurgici è contenuta in sacche sterili.

Anche l’aria che viene immessa nelle sale operative subisce particolari trattamenti volti a mantenere la carica batterica a livelli bassissimi: ogni stanza è dotata di un impianto che consente di cambiare tutta l’aria almeno otto volte all’ora. Inoltre durante la notte essa viene depurata e micro-nebulizzata con agenti disinfettanti e ionizzanti che catturano le micro particelle e i batteri sospesi, effettuando quello che viene definito “lavaggio dell’aria”.

Un sistema di climatizzazione complesso assicura elevati livelli di comfort ambientali sotto i profilo del controllo della temperatura e della qualità dell’aria con ridotte emissioni inquinanti adottando generatori a pompa di calore.

Il controllo della temperatura invernale è affidato ad un impianto a pannelli radianti a pavimento che garantisce le migliori condizioni di comfort per il personale ed i pazienti, contenendo comunque i costi di esercizio.

Per il periodo estivo dove per le nostre latitudini il pannello radiante non risulta comunque sufficiente e non permette comunque la rimozione del calore latente (vapore prodotto dagli individui, dalle macchine e contenuto nell’aria proveniente dall’esterno): in questa stagione l’impianto si integra con un sistema ad aria che provvede ad fornire le potenze termiche suppletive e garantisce la deumidificazione: il controllo della temperatura stanza per stanza è affidato ad una regolazione elettronica che modula le portate di aria per ogni vano in funzione delle richieste dell’utenza.

Il rinnovo dell’aria è ottenuto mediante un recuperatore di calore che provvede a prelevare l’aria dall’esterno, preventivamente filtrata, ed ad inviarla ad uno scambiatore a piastre che permette di recuperare il calore contenuto nell’aria viziata da espellere. Il flusso di aria di rinnovo ha una portata maggiore di quello di espulsione per avere la certezza che l’atmosfera in ambiente sia comunque controllata.