In Diretta #2 – La Capsula in Zirconio / Ceramica

Posted by on Feb 9, 2017 in In diretta | 0 comments

In Diretta #2 – La Capsula in Zirconio / Ceramica

La capsula (o corona) in zirconio ceramica

 

La corona in zirconio ceramica unisce in se l’altissima durezza e resistenza dello zirconio, utilizzato per la struttura portante della capsula,  e l’impareggiabile estetica della ceramica. Viene utilizzata da alcuni anni per  la costruzione di capsule sia dei denti anteriori che quelli posteriori od anche per protesi dentarie fisse complete su impianti dentali in titanio osteointegrati.

 

Caratteristiche

Le caratteristiche principali che fanno della corona in zirconio ceramica un presidio odontoiatrico di alta gamma, vanno riscontrate nella metodica costruttiva e nel materiale non metallico della struttura sottostante la ceramica.

In altre parole, a differenza della corona in metallo ceramica, la corona zirconio ceramica utilizza un’anima in ossido di zirconio (o zirconia) che la rende estremamente resistente ai carichi cui è sottoposta.

Il motivo che ha spinto i ricercatori ad utilizzare lo zirconio al posto del metallo è che il primo ha notevoli doti estetiche ovvero si lascia attraversare dalla luce cosa che le leghe metalliche non permettono. Il risultato è facilmente intuibile, ovvero il dente incapsulato non sarà distinguibile da quelli naturali poiché si comporterà come questi ultimi.

Anche se comunemente si utilizza la dicitura corona zirconio ceramica, a livello tecnico, stiamo parlando dell’ossido di zirconio.

 

Una foto del prezioso elemento di Zirconio allo stato puro

Una foto del prezioso elemento di Zirconio allo stato puro

 

Procedura di costruzione

La fase iniziale vede il dentista impegnato nella preparazione del dente che deve essere preventivamente curato (carie, pulpite etc.), o devitalizzato se il caso lo richiede e, in fine, essere ridotto a moncone ovvero limato. Il tutto avviene senza che il paziente senta dolore, se necessario con l’ausilio dell’anestesia locale.

Il  paziente potrà lasciare lo studio con una corona provvisoria in resina ed un nuovo appuntamento

All’appuntamento successivo  è necessario procedere con la presa delle impronte dentali che saranno inviate al laboratorio tecnico.

L’odontotecnico prosegue con la realizzazione un modello in gesso che è sottoposto a scannerizzazione tridimensionale per acquisirne un’immagine digitalizzata che ne rappresenta fedelmente le tre dimensioni: larghezza, altezza e profondità.

Dopo la progettazione computerizzata della futura corona in zirconio ceramica, le informazioni passano dal software ad una speciale strumentazione che ha il compito di fresare il blocchetto di zirconio e realizzare così la cappetta.

 

Il paziente ritorna sulla poltrona dell’odontoiatra per la prova della cappetta in zirconio sul moncone del dente e, se tutto va bene, si decide il colore della corona.

La palla torna al laboratorio che provvederà al completamento della capsula in zirconio con l’apposizione della ceramica ed alla colorazione di quest’ultima.

Adesso la corona è pronta per essere cementata definitivamente sul dente, in modo tale da ripristinare sia la funzione masticatoria che l’estetica.

 

Vantaggi della corona in zirconio ceramica

  • Estrema resistenza, paragonabile a quella della corona in metallo e ceramica con in più la translucenza dello zirconio;
  • Assenza di reazioni allergiche grazie all’alta biocompatibilità dello zirconio;
  • Possibilità di costruire protesi fisse su impianti dentali complete senza temere punti deboli causa di improvvise rotture;
  • Peso complessivo minore

. Completa assenza di elementi metallici

 

Svantaggi

L’unico svantaggio di una corona in zirconio ceramica è rappresentato dai costi di produzione leggermente più elevati ma, c’è da dire, che questi stanno scendendo velocemente grazie alla diffusione su larga scala degli strumenti di precisione e dei materiali di costruzione necessari.

 

 

I commenti sono chiusi.